Vai al contenuto della pagina

Istituto Bassano Cremonesini Per Disabili Psichiche - Onlus

Menu

L'Istituto Cremonesini offre assistenza, riabilitazione, attività animative-educative e laboratori.

L'Istituto offrire un'assistenza qualificata quale risposta ai bisogni primari di tutte le Ospiti, attuando una riabilitazione volta a sviluppare le risorse e le abilità specifiche di ognuna.

Attività e Servizi Erogati

Già all'inizio degli anni sessanta la legislazione in campo assistenziale e psichiatrico si è evoluta ed è giunta a sostenere la necessità di predisporre non soltanto attività di semplice custodia, ma anche prettamente curative.

Quindi nel corso degli anni l'Istituto si è costantemente rinnovato sia nella struttura che nell'organizzazione interna con l'assunzione di addetti sanitari laici qualificati e la promozione di corsi e incontri per riqualificare e/o aggiornare il personale.

L'Ente non è rimasto insensibile alla nuova visione del "paziente con handicap", che l'evolversi dei tempi ha contribuito a formare; visione assunta anche dalla legislazione competente in materia.

Dopo l'entrata in vigore della legge 180/78 sugli "accertamenti e trattamenti sanitari volontari obbligatori", si è lavorato per poter:

  • offrire un'assistenza qualificata, risposta ai bisogni primari di tutte le persone,
  • attuare una riabilitazione, volta a sviluppare le risorse e le abilità dell'Ospite partendo dall'identificazione dei suoi bisogni, e dal potenziamento delle risorse dell'ambiente, per migliorare la qualità degli interventi.

Inoltre hanno contribuito alla riorganizzazione del servizio l'entrata in vigore della legge regionale 331/bis del 1984 sui "provvedimenti per la tutela sociosanitaria dei malati di mente e per la riorganizzazione dei servizi psichiatrici" e la legge regionale 47/88, che stabilisce l'organizzazione del Dipartimento per la Salute Mentale e coordina le iniziative riguardanti la salute mentale.

Negli anni '80, oltre alle figure professionali presenti per garantire gli interventi assistenziali e farmacologici, ci si è avvalsi sul piano operativo di corsi scolastici, attività animative/educative, interventi fisio-terapeutici; nel '96 è stato inaugurato il "Centro Servizi Animazione" (composto da palestra, aule e piscina coperta) e il primo lotto della "Residenza Sanitaria Assistenziale", in conformità al Piano Regionale Socio-Assistenziale" (1987), che stabilisce "nuclei abitativi", ovvero spazi collettivi a carattere residenziale volto ad ospitare gruppi omogenei di pazienti, avendo riguardo all'età, alla patologia e al grado di autosufficienza di ciascun soggetto.

Ottemperando alla normativa socio-sanitaria degli Assessorati alla Sanità e all'Assistenza della Regione Lombardia, competenti in materia e per territorio, l'Istituto è accreditato per ospitare 320 persone di sesso femminile (caratterizzazione statutaria da cento anni), specificatamente:

  • La Residenza Sanitaria Assistenziale (R.S.A.) dell'Istituto Bassano Cremonesini per disabili psichiche - ONLUS per propria tradizione, impostazione professionale ed organizzazione, rivolge il proprio intervento a persone di sesso femminile, in condizioni di non autosufficienza fisica e psichica, bisognose di prestazioni assistenziali, sanitarie, riabilitative, di recupero e di mantenimento, non adeguatamente assistibili presso le famiglie.
  • La R.S.A. ha capacità ricettiva per n. 180 posti letto, tutti autorizzati all'esercizio, accreditati ed a contratto, ed è articolata in n. 11 nuclei abitativi con caratteristiche strutturali simili.
  • La Residenza Sanitaria Assistenziale per persone con disabilità (R.S.D.) dell'Istituto Bassano Cremonesini per disabili psichiche - ONLUS per propria tradizione, impostazione professionale ed organizzazione, rivolge il proprio intervento a persone di sesso femminile, nelle condizioni di disabilità psichica grave, con una riduzione dell'autonomia personale tale da rendere necessaria una presa in carico globale e continuativa della persona, anche in comorbilità con altre patologie e menomazioni funzionali.

Nella R.S.D. vengono pertanto garantite alle ospiti:

  • - prestazioni ad elevato grado di integrazione sanitaria;
  • - riabilitazione di mantenimento;
  • - residenzialità anche permanente;
  • - programmi individualizzati;
  • - coinvolgimento delle famiglie.

La struttura R.S.D ha capacità ricettiva per n. 140 posti letto, tutti autorizzati all'esercizio, accreditati ed a contratto ed è articolata in n. 9 nuclei abitativi con caratteristiche strutturali simili.

Qui le donne, affidate, ieri dalle famiglie, da anime sensibili, da Istituzioni, religiose e civili, oggi dai Servizi Sociali dei Comuni o dalle A.S.S.T., sono accolte e trattate come «Ospiti», di passaggio o permanenti, ospiti nel genuino significato del termine, persone alle quali si fornisce e si garantisce il calore della casa e della familiarità; ma sono riconosciute anche come «pazienti», cioè come persone sofferenti e per i deficit che patiscono, e perché portatrici spesso di storie personali e familiari laceranti; pazienti anche nel senso virtuoso della parola, perché in quotidiana attesa di un positivo cambiamento se non proprio del superamento dell'handicap, mentale e psichico; cambiamento in positivo che molto frequentemente si verifica.

I servizi erogati in RSA e RSD vengono dettagliati nella Carta dei Servizi della singola Unità di Offerta.


Vedi i servizi offerti dalla Residenza Sanitaria Assistenziale (R.S.A.)

Vedi i servizi offerti dalla Residenza Sanitaria Assistenziale per Persone con Disabilità (R.S.D.)

Design & hosting by Perinternet S.r.l. - Xhtml 1.0 - Css 2.0 - Feed RSS