Vai al contenuto della pagina

Istituto Bassano Cremonesini Per Disabili Psichiche - Onlus

Menu

L'Istituto fu fondato nel 1901 da Mons. Bassano Cremonesini.

Mons. Bassano Cremonesini nacque il 27 aprile 1842 nel piccolo comune di S. Andrea, nel lodigiano.
Studiò all'università Gregoriana di Roma e divenne Abate di Pontevico nel 1880.
Oltre alla "Casa di Ricovero" fu promotore di svariate opere ancora oggi di vitale importanza per il paese.
Morì il 29 dicembre 1917.

Il Fondatore

Mons. Bassano Cremonesini non nacque bresciano, anche se può essere considerato tale per adozione essendo venuto ad abitare a Brescia in tenera età.

Suo luogo di nascita, il 27 aprile 1842, fu il piccolo comune di S. Andrea, nel lodigiano, dove i suoi genitori esercitavano la professione di riscossori di finanza.

In seminario diocesano ebbe modo di distinguersi per la vivacità dell'ingegno e la naturale inclinazione per gli studi.

Per questo venne inviato per la prosecuzione degli studi teologici all'università Gregoriana di Roma. Dopo quattro anni conseguì la laurea in teologia e venne ordinato sacerdote per le mani del Cardinale Costantino Patrizi, vicario generale di Sua Santità.

Rientrato a Brescia, il Vescovo lo inviò curato a Travagliato, dove rimase cinque anni, distinguendosi per generosità e coraggio nell'assistenza ai colerosi del 1862. Per questo motivo gli venne concessa dal Ministero dell'Interno "a testimonianza di ammirazione e gratitudine" la medaglia di bronzo per i benemeriti della pubblica salute (Firenze 03 maggio 1869).

Nel 1871 divenne Arciprete di Leno, parrocchia che resse con unanime soddisfazione per circa otto anni.

Nel 1879 si rese vacante per la morte del rev. mo Abate Mons. Carlo Angelini, la parrocchia di Pontevico che il Cremonesini conosceva benissimo per la sua lunghissima famigliarità con l'Abate, fin dal tempo del seminario, quando trascorreva le vacanze estive con lui nella canonica pontevichese.

A Pontevico fece il suo ingresso solenne la domenica del 7 febbraio del 1880 e resse con grandissima capacità e da vero maestro della fede la vasta parrocchia per 37 anni operosi e fecondi.

Si accattivò subito l'affetto delle categorie più povere e disagiate, per le quali non esitò a scontrarsi di continuo con una cricca di signorotti che dominavano incontrastati in tutte le realtà politiche e sociali della borgata. Fu osteggiato da essi in maniera vergognosa, ma il Cremonesini non era tipo da tirarsi indietro davanti alle difficoltà; ed ebbe grande capacità di perdono.

Le realizzazioni del suo parrocchiato furono innumerevoli:

  • Spezzettò il grande beneficio parrocchiale in circa 100 poderi a beneficio di quanti si dedicavano all'agricoltura e che si trovavano in gravissimi disagi;
  • Realizzò il duplice allungamento della chiesa abbaziale, dopo sei anni di aspra opposizione da parte del Comune anticlericale e massone;
  • Fece fondere un nuovo concerto di campane per il campanile della parrocchia (opera che gli procurerà un sacco di guai, compresa la prigione);
  • Fondò l'oratorio femminile, affidandolo alle Revv. Madri Canossiane, le quali, in seguito, aprirono una scuola elementare parificata e un "educandato" per le signorine del paese;
  • Fece eseguire dal bergamasco Luigi Parietti la riforma dell'organo Serassiano della chiesa abbaziale (1887);
  • Promosse la costituzione di una latteria sociale (1891) e di un grande essiccatoio ad uso dei contadini, nella cascina "Maestà", di proprietà del beneficio parrocchiale;
  • Promosse la "Società di Mutua Assicurazione e del Bestiame (1897) e la "Società Cooperativa di Consumo in Chiesuola" (1893);
  • Fondò la "casa di ricovero per Frenasteniche ed epilettiche" (1901);
  • Fece costruire la nuova chiesa, dedicata a S. Antonio di Padova, nella frazione di Chiesuola (1903/1905);
  • Fece innalzare al centro del cimitero un grandissimo Obelisco - Ossario, su progetto dell'architetto Tombola (1906);
  • Promosse la costituzione "dell'Unione cattolica del lavoro" (1906);

Morì il 29 dicembre 1917.

Nel quindicesimo anniversario della morte, la sua salma venne trasferita in una splendida cripta all'interno dell'Istituto, a fianco della chiesa.

L'opera di decorazione e di affresco venne eseguita, in uno stile di sapore trecentesco, dal pittore bresciano Vittorio Trainini che la rese un vero gioiello d'arte. La parte più interna della cripta è occupata dal sarcofago formato da un blocco di marmo rosso di Verona. È solenne nella sua semplicità: nessun fregio, né ornamento, se non una croce sobriamente lavorata con perle preziose e l'iscrizione in oro "A Monsignor BASSANO CREMONESINI Abate". Sul sarcofago lo scultore Claudio Botta ha richiamato l'immagine del Fondatore, vestito degli abiti prelatizi, come dolcemente addormentato.

Design & hosting by Perinternet S.r.l. - Xhtml 1.0 - Css 2.0 - Feed RSS